Cerca
Type & hit enter to search
Lingua:

Nuova intervista a Chino Moreno

Ciao Chino. Innanzitutto una domanda diretta… ci sono della voci
riguardo all’incisione di nuove canzoni, durante il tour, hai un’idea
riguardo al nuovo sound?
Sì… posso dire che intendevamo registrare il nuovo materiale
immediatamente dopo essere tornati in America, in maggio. Non abbiamo ancora scritto
nulla, ma abbiamo molte idee da provare e vedere cosa ne esce. La risposta alla
domanda è, dunque, che cominceremo a comporre nei prossimi mesi.

Qual è la canzone di Saturday Night Wrist che preferisci suonare
in concerto?
Le mie preferenze cambiano di mese in mese. Ci piace suonare la grande
maggioranza delle nostra canzoni, ma, se devo scegliere, le mie preferite sono
“Hole in the Earth” e “Beware”.

Come mai non suonate “Kimdracula”, presente nell’ultimo
album, in nessuno dei concerti, una delle canzoni preferite dai fan?

Cambiano spesso questa canzone con un’altra, “Mein”, anch’essa
apprezzata dal pubblico. Cerchiamo di proporre una setlist che soddisfi tutti,
così suoniamo tracce di tutti i nostri album.

Considerate l’idea di pubblicare un sequel di “B-side and
rarites”, visto che molto materiale non è stato incluso?

Tracce come “Drive” (Cars) o “Jealous Guy” (John
Lennon).
Sì, è vero, ci sono molte canzone che non sono
state incluse nell’album. Non disdegno l’idea di realizzare una seconda
raccolta, ma per ora non l’abbiamo ancora presa in considerazione. Forse
nel futuro offriremo altro materiale ai nostri fan.

Ci sono altre cover che vorreste proporre in futuro? Sicuramente
ci saranno, ma per ora pensiamo solo a sperimentare le nuove canzoni.

Molta gente si sta chiedendo cosa è successo con il nuovo DVD “Entertain
me – a documentary about Deftones”. Sarà mai pubblicato?

Alla fine abbiamo deciso di non pubblicarlo mai. Era composto da un po’
di riprese fatte da un nostro amico che ci ha seguito in tour e da alcune interviste,
ma sfortunatamente le nostra canzoni non potevano essere utilizzate per via del
copyright. Quando pubblicheremo un DVD vogliamo che i nostri fan siano fieri e
contenti.

Avete scelto come nuovo single “Mein”, ma inizialmente avevate
scelto “Cherry Waves”…
Non lo so esattamente. E’
successo un po’ così. Cherry Waves è una canzone più
diretta, dalla quale sai cosa aspettarti, mentre Mein è più speciale
e interessante da suonare. Inoltre abbiamo ritenuto la possibilità di poter
fare un videoclip dal vivo per questa canzone.

Qual è il significato del video di “Mein” e perché
Serj Tankian dei System Of A Down non appare nel video nonostante abbia partecipato
alla registrazione della canzone?
Non c’è un significato
preciso per questo video, l’idea era fare qualcosa di divertente, non un
video artistico. Volevamo essere noi e fare qualcosa di divertente con i nostri
amici. Serj non era presente perché era in Nuova Zelanda. Vuole prendere
la residenza lì e non può lasciare il paese per neanche un istante.

Quanto è importante per voi fare un videoclip nel 2007?
Hmm… un video è sempre importante perché permette di raggiungere
una parte di pubblico più vasta e che non avevi raggiunto fino ad ora.
I nostri video, però, non sono molto promozionali, l’ creiamo solo
per sapere che la canzone esiste. Penso che internet sia una possibilità
più importante per promuoversi. Molti fan si chiedono come mai non suonate
“Combat”, presente sull’ultimo album o “Fist”, una
vecchia traccia che non avete mai promosso dal vivo. Non suoniamo “Combat”
perché non ci viene bene. Ci abbiamo provato diverse volte, ma non viene
come vorremmo. Riguardo a “Fist” non abbiamo mai pensato che fosse
importante suonarla.

Cosa è successo con la t r accia “Finger of De a th”?
Inizialmente era inclusa nell’album, poi è sparita.
E’
una traccia che non ha avuto il risultato sperato. Forse un giorno la risuoneremo
e verrà qualcosa di meglio.

Qual è la sfida più grande per la vostra band nel 2007?
Mantenere vivo il desiderio di suonare. L’ultima cosa che vuole un musicista
è essere in tour e non divertirsi nel farlo.

Sei anche un produttore.
Ho lavorato con Will Haven al suo ultimo album, questo poco prima di andare in
tour. Shaun Lopez ha continuato il mio lavoro ed ho sentito che l’album é
pronto e non vedo l’ora di ascoltarlo. Ho lavorato anche con i Dead Poetic ,una
giovane talentuosa band, al loro ultimo album, e per me é stato veramente
bello sperimentare tutte queste nuove cose.

Come stanno le cose con la tua altra band, I Team Sleep? Ci sono
già alcune tracce registrate, ma purtroppo siamo tutti molto impegnati.
Forse verremo fuori con un nuovo album nel 2008. Le nuove canzoni sono più
elettriche e sono molto curioso a riguardo.

Ci sono probabilità circa un nuovo lavoro nel 2008? Lo
spero.

Una domanda che ti porterà nel passato. Qual è la prima
canzone che avete registrato assieme come band?
E’ passato molto
tempo, e penso sia stata una canzone molto divertente e molto grezza. Era chiamata
“The Vegetable Song” ed il suo sound era simile a quello dei Primu.
Eravamo molto fan di questa band ai tempi.

Che cosa hai ascoltato di nuovo recentemente? Se devo essere
onesto non ricordo. C’è una band di nome Coma. È la miglior
produzione del 2006.

Torniamo al 2007. Avete intenzione di produrre un nuovo singolo?
Credo “Cherry Waves”, perché posso immaginare un video più
artistico per questa canzone, con un grande impatto visivo. Vorrei avere un videoclip
per questa canzone, ma non sono sicuro, dipende tutto da quanti soldi riceveremo
dalla nostra label.

Come sei riuscito a suonare con Ill Nino la canzone Zombie Eaters dei
Faith no more ?

Sono un’amico della band ed anche del loro manager, così lui ha chiesto
il mio aiuto ed ho accettato, sono degli ottimi musicisti ed é stato un
piacere per me.

Cosa fai a casa oltre a suonare? Nel tempo libero faccio cose
che comunque centrano con la musica, I do some more beats. Per il resto vado a
camminare al parco con i miei figli, sai, le solite cose.

Grazie Chino per l’intervista! Anch’io ti ringrazio e mandiamo
i nostri saluti ai fan della Romania, speriamo di rivederci presto. Grazie per
il vostro supporto.

Qui potete
leggere l’intervista in inglese