Cerca
Type & hit enter to search
Lingua:

Intervista online a Abe e Chi

Il batterista Abe Cunningham ed il bassista Chi Cheng hanno recentemente parlato dei vari ‘dietro le quinte’ di ogni video e cover; queste le dichiarazioni:


Su “7 Words” e “Bored”, entrambi filmati a Sacramento (rispettivamente nel 1995 e 1996):


Abe: “Sono arrivati ed hanno girato il video (“7 Words”) con il nostro press kit elettronico. E’ venuto bene, così lo abbiamo usato come video. L’abbiamo filmato al Cattle Club e in giro per la città. E’ stata una cosa ‘made in Sacto’; è stato bello.


“‘Bored’ è stato il secondo video. … siamo stati in tour per un pò, in giro per il mondo. E così eravamo felici di esser tornati a casa. Abbiamo usato la casa di Chino e la sala prove di  Matt Erich, dalla quale è partita la nostra carriera. Prima stavamo nel garage della madre di Steph, poi ci siamo spostati da Matt Erich.”


Chi: “‘Bored’ è stato veramente ma veramente bello. Eravamo da Matt Erich assieme ad amici e parenti, ci stavamo divertendo. Certo, i miei ricordi sono un pò meno allegri perchè ho avuto allergia tutto il giorno e non ho mai preso un Benadryl. Poi qualcuno me l’ha dato … e mi stavo addormentando.”


Su “My Own Summer”, girato in mezzo agli squali (1998):


Abe: “E’ stato dannatamente divertente. Eravamo in Antartide… nah, sembrava. Eravamo al lago Pyramid. Gli squali erano veri. Sono mangiatori di uomini… (ride) gli squali erano meccanici.”


Chi: “Sono caduto in una di quelle gabbie e i miei dread hanno puzzato per una settimana. Dean Karr (regista) ha avuto quella bella idea. Ci ha detto: ‘ho bisogno di più soldi per andare in Australia e filmare gli squali’. Era stato là una settimana e mezza e non aveva filmato nulla. Così ha dovuto fare una gita extra.”


Su “Minerva”, girato durante una tempesta di sabbia vicino al Salton Sea (2003):


Abe: “E’ stato brutto. Il video poteva essere molto migliore, ma non è stato possibile editarlo perchè la sabbia era entrata ovunque… in più il vento ha causato la rottura delle sfere di luce. E’ poi diventata una tempesta di sabbia. Ci sono volute 22 ore e siamo stati lì tutto il tempo.”


Chi: “Siamo stati là quasi 24 ore. E’ stato ridicolo. Siamo arrivati al mattino presto, e il vento mandava la sabbia da ogni parte. Terribile. Ma il video mi piace molto.”


Su “Hexagram”, filmato in uno skate park in California davanti ai fans (2003):


Abe: “Questo è il mio preferito. Abbiamo girato pochi video in cui non eravamo ripresi per tutto il tempo, sebbene non ci sentiamo a nostro agio — Odiamo farlo ma dobbiamo farlo ancora. ‘Hexagram’ è stato semplice, ci hanno semplicemente ripresi. E’ stato divertente.”


Chi: “Il video di ‘Hexagram’ è stato stimolante. Siamo tornati alle nostre radici.”


Sulla cover di “Simple Man” dei Lynyrd Skynyrd:


Abe: “Amo i Lynyrd Skynyrd. Stephen ama i Lynyrd Skynyrd. Ma a quei tempi Chino non se la sentiva. Conosceva la canzone e sapeva chi fossero i Lynyrd Skynyrd. Poi ci ha provato ed è uscita. Volevamo convincerlo, e ci dicevamo ‘Si deve fare. Come possiamo fare a convincerlo a dire sì?’


“Un giorno l’ho chiamato … e lui mi fece: ‘hai sentito ‘Simple Man’?” ed io: ‘Yeah, vogliamo metterlo nel disco.’ e lui: ‘L’ho ascoltata l’altro giorno e ho pianto’ Siamo padri ora, quindi credo che quella canzone gli ricordi suo figlio.”


Su “If Only Tonight We Could Sleep”, cover dei Cure registrata per MTV’s “Icon”:


Chi: “E’ stato straziante. Ha messo alla prova i nostri nervi. Quando fai una cover, la registri e la metti sul disco, le reazioni della gente le vedi dopo. Invece avere Robert Smith seduto davanti mentre suonavamo quella canzone ci ha intimidito. Non puoi sapere se gli piace. Ma alla fine gli è piaciuta, è stato bello.”


Abe: “Quando uscì ‘Around the Fur’ abbiamo letto Kerrang! ed il disco di Robert Smith era nella top five dell’anno. C’era anche ‘Around the Fur’. Amiamo i Cure. Li amiamo tutti.


“‘Around the Fur’ stava per uscire e ci siamo trovati ai SIR studios di Los Angeles. Loro erano là, siamo andati da loro … siamo rimasti piacevolmente pietrificati, stavano brindando con la birra; sono state le persone più simpatiche del mondo.”


Trovate l’intervista originale cliccando qui.